MCE Progettazione Elettronica
 
 
Home
 
CAV Prato
 
Storia del CAV
 
SOS Vita
 
Progetta Gemma
 
Casa Aurora
 
Iniziative
 
Servizio Civile
 
Sostenere il CAV
 
Concorso
 
5x1000
 
Contatti
 


SOS Vita



La nostra storia

Era il 7 marzo 1977, nel pieno della campagna per l'approvazione della legge sull'aborto, quando Mons. Fiordelli decise di rispondere al dramma di molte donne tentate di abortire per qualsiasi motivo con la costituzione di un Centro che venisse loro in aiuto. L'annuncio di questa iniziativa fu dato al termine di una marcia contro l'aborto e in favore della vita, alla quale parteciparono 6000 cittadini. In quell'occasione Mons. Fiordelli disse: "Da domani incomincerà ad operare il Centro di Aiuto alla Vita... affinché ogni donna preoccupata per la sua maternità possa trovare un sostegno psicologico, affettivo e anche economico".

Il Centro ha iniziato a lavorare subito, ma si è formalmente costituito come associazione di volontariato, con rogito notarile, il 31 ottobre 1988, ed è iscritto all'albo regionale del volontariato dal 1994.

Il suo primo presidente è stato l'avv. Mauro Giovannelli, coadiuvato da due vice presidenti nelle persone della professoressa Gabriella Lai e del dott. Enrico Mencattini.

Si sono poi succeduti il dott. Maurizio Barontini, l'avv. Donatella Mazzoni, e l'attuale presidente è la sig.ra Patrizia Benvenuti.

Nel corso di questi anni il Centro è andato via via migliorando il suo servizio; dispone oggi di un centro di ascolto, di un centro di distribuzione di beni in natura, di un servizio domiciliare e di una casa di accoglienza.

Numericamente l'utenza del Centro dai primi anni ad oggi è sensibilmente aumentata. Mentre nei primi tempi avevamo circa 50 nuove donne all'anno, che si rivolgevano al Centro, ora se ne contano più di 200. Anche la loro provenienza è molto cambiata: inizialmente erano quasi tutte italiane, adesso sono per la maggior parte doinne immigrate.

Fin dalla sua costituzione il centro è stato ospitato nei locali della Misericordia in via del Seminario, 26. L'ospitalità gratuita dura ancora oggi e per questo il Centro esprime profonda gratitudine.

Da quel lontano 1977, l'impegno del CAV in favore della vita umana nascente continua con dedizione: siamo convinti che salvare un bambino dall'aborto significa aiutare e salvare anche la vita della sua mamma. E' una inestimabile vittoria non solo per gli operatori del CAV, ma per l'intera società.

Aiutare la mamma ad accogliere il suo bambino vuol dire fare crescere la pace, allontanando la violenza, l'isolamento, il rifiuto di esseri umani innocenti e indifesi.

Nonostante le tante difficoltà di ieri e di oggi, i vari fallimenti subiti, la fatica del cammino e talvolta l'inevitabile inadeguatezza nei confronti di certe situazioni, i volontari CAV vogliono con rinnovato entusiasmo continuare il loro servizio.



Valid HTML 4.01 Transitional
LCDesign progettazione elettronica e web site
Chiusura